Sono indignata

"Clinicamente morta la moglie di un ufficiale di Marina, stuprata e torturata da un rumeno"

 

Sono indignata, sono addolorata, sono senza parole!

Quando ero piccola studiavo la storia della Madre Patria.

Era molto bello questo concetto dello Stato – Madre e Padre dei suoi abitanti.

La parola Madre è sparita presto…

Ora è sparita anche la parola Patria…

Che senso ha una patria che non sa difendere i suoi figli?

Io amo l’Italia, mi sento profondamente italiana, ma vedo ora due Italie.

Una, quella di chi ama e lotta perchè la giustizia, la libertà, la pace siano ancora lo slancio e il movente di ogni azione.

L’altra, una Italia cialtrona, che si svende davanti a tutti, riempiendosi la bocca di paroloni, che si autoloda per coprire il vuoto che ha dentro.

  1. Mi spaventa vedere che il mio paese, crede che difendere i diritti, la cultura la storia, le tradizioni del suo popolo voglia dire essere razzisti, e che per questo per non voler apparire un paese razzista, finisca per proteggere e tutelare tutti e tutto tranne che gli italiani. Sono fiera di essere Italiana per quello che l’italia ERA, ma mi vergogno del mio paese così come sta diventanto. Che Italia lasciano ai notri nipoti e figli???? un paese che rinnega la propria storia e cultura per adeguarsi a chiunque decida di venire a vivere qui????
    Ma se noi cittadini Italiani decidiamo di andare a vivere in uno stato diverso….ci garantiscono gli stessi diritti? cambiano qualcosa del loro solo perchè "può offendermi"?????? se io decido di andare a vivere in un paese che non è il mio, sarà mio dovere adeguarmi agli usi e costumi di quel paese, non il contrario! se non mi vanno bene, non mi obbliga nessuno a rimanere…..
    Chiunque venga in Italia per amarla e rispettarla come terra, come storia, come popolo è sempre il benvenuto, ma non è questo il messaggio che arriva…. quanto più quello….venite in italia tanto qualsiasi cosa facciate non vi succede nulla….. bel messaggio!!!!!

    Mi piace

  2. Questo è diventato un paese dove tutti fanno e disfano a loro piacimento.Quando 10 anni fa è cominciato l’esodo dall’est europeo,molti erano diffidenti, altri fiduciosi, aperti ai fratelli piu’ bisognosi che cercavano nella nostra terra un’occasione per una vita dignitosa ed un futuro migliore. Li abbiamo accolti tutti,non siamo razzisti,anche noi siamo andati in altri paesi a cercar fortuna,ma lì dove siamo andati ci hanno selezionato per benino, per gli italiani all’estero le regole comportamentali sono state molto rigide e non abbiamo goduto di agevolazioni di nessun tipo, come potrebbe essere oggi per gli extracomunitari qui da noi che sono esenti da molte tasse.Mi chiedo come è stato possibile essere così permissivi ed in buona fede nei confronti di tutti e perchè mai non abbiamo adottato selezioni e controlli come gli altri paesi.Molti stranieri sono poco onesti.Certo lo sono anche molti italiani, ma i nostri in linea di massima sono conosciuti alla giustizia e sono controllati, comunque ce li teniamo,ma dobbiamo per forza accoglierli tutti questi sconosciuti? Piangere le disgrazie che avvengono a causa loro? Mi sembra impossibile che non si possa prendere provvedimenti per cercare di arginare al massimo queste tremende vicende che sempre piu’ spesso sono attribuibili ai non italiani.Aggiungo la mia indignazione a quella di quanti sentono forte questo problema.Sandra.

    Mi piace

  3. Penso anch’io che un paese che stacca le croci dalle pareti delle scuole, accetta che gli stranieri facciano quello che vogliono, non dice niente e abbassa il capo per paura di essere accusato di razzismo… abbia purtroppo ben poco da dire!!! Ma siamo davvero così decadenti… così poco amanti del nostro paese da svenderlo in questo modo al primo che passa????
    Un abbraccio

    Mi piace

  4. Sono rimasto abbastanza inorridito da questa vicenda … ed è solo l’ultima di una lunga serie di tristi e tragici episodi ispirati da una cieca ed efferata violenza. Credo purtroppo  che tutto questo sia l’effetto e il risultato (ahimè) abbastanza prevedibile di scelte e decisioni davvero superficiali intraprese dal nostro paese. Il frutto di una politica miope, eccessivamente permissiva e garantista che ha consentito l’approdo "disinvolto" in Italia di diversi criminali e delinquenti "comunitari"  immigrati dall’est europeo … leggevo proprio oggi sul giornale che l’arrivo in Italia e in occidente in questi mesi di una marea di nuovi immigrati comunitari provenienti dalla Romania ha coinciso (guarda caso) con una diminuzione del 26% della criminalità presente in quel paese. Tragica coincidenza oserei dire ! Questa era una situazione che andava ovviamente gestita, governata e arginata con maggiore oculatezza e senso di responsabilità. Occorre rendersi conto che non esistono delinquenti e furfanti di serie A e di serie B … sia che siano italiani che stranieri provenienti dall’est europeo sono sempre e comunque dei soggetti pericolosi per la sicurezza dei citttadini, la cui azione e presenza non può più essere tollerata e giustificata. Mi unisco all’indignazione collettiva, nella speranza che sulla scia di questi tragici eventi si cominci ad attuare una seria e decisa politica di prevenzione
     
    Giuseppe

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...