Parole

 

 

Ancora una poesia, forse perchè a quest’ora di notte mi fermo a leggere.

 Le poesie – con la loro musicalità – mi accompagnano al sonno……

 

PAROLE

 

Per molte ore della giornata
nella mia testa si macinano parole.
E’ una fabbrichetta individuale
con pochi operai:
la mia paura, il mio straniamento,
il mio stupore, i miei guai,
pim pum pam
battono i martellini
girano certe strane macchine impastatrici
piene di pagliuzze d’oro, granito e radici.
Poi, ma solo ogni tanto
fra lo stupore generale
mentre dagli opachi finestroni
entra un raggio di sole
si forma una poesia
è di vetro, è rotonda
è piccina, è splendente
si inchina e va via.
Qualche operaio applaude
io torno al mio niente

(Giovanna De Carli)

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...