una rosa blu

rosa blu

 
 

Giorni fa avevo letto, con grande sconcerto, di quei genitori americani che intendevano sottoporre la loro bambina, affetta dalla sindrome di Down, ad interventi di chirurgia plastica “perché non avesse problemi in futuro” a causa del suo viso. Sono rimasta senza parole davanti all’egoismo di queste persone che volevano far passare per “amore” quella che sarebbe diventata una continua tortura per la bimba, fisica e psichica. 

Oggi, cercando tra alcuni fogli ho ritrovato questa magnifica poesia:

 

 

COME UNA ROSA BLU

 

 

Jenny è una bambina…
un’adorabile bambina.
I suoi occhi sono nocciola,
i capelli un po’ più scuri.
Se i capelli
Le cadono sugli occhi,
li scosta.
Ma la mano
non va diritta
alla fronte.
Prima si curva come un fiore
al primo schiudersi
dei petali.
Poi
scosta
i capelli dagli occhi.
Jenny è diversa.
Diversa?
Sì, diversa da quasi tutte le altre.
Ma chi ha detto che tutte le persone
debbano essere uguali?
Pensare,
agire,
apparire uguali?
Per me, Jenny è come una rosa blu.
Una rosa blu?
Avete mai visto una rosa blu?
Ci sono rose bianche,
e rose rosa,
e rose gialle,
e un’infinità di rose rosse.
Ma blu?
Un giardiniere sarebbe felice
di avere una rosa blu.
La gente verrebbe da lontano per vederla.
Sarebbe rara,
diversa, bella.
Anche Jenny è diversa.
Ecco perché, in qualche modo,
è come una rosa blu.
Quando Jenny giunse a casa
dalla clinica – una bambolina rosa,
morbida, paffuta –
piangeva spesso.
Più spesso degli altri bambini.
Perché?
Chissà, forse
vedeva ombre diverse
che la spaventavano.
Forse udiva suoni
a lei sconosciuti.
Quando fu più grandicella,
stava sempre accanto alla mamma
e le si attaccava alla gonna.
Sapete,
quando un gattino perde la coda
l’udito gli si fa più acuto,
dicono.
E’ vero che la coda
aiuta un gattino a correre più veloce.
Ma un gatto senza coda
ci sente meglio
e avverte i passi che s’avvicinano
molto prima degli altri micini.
Ma alcuni non sanno
che un gatto simile
può avere un udito tanto acuto;
vedono solo
che gli manca la coda.
Certi bambini sono crudeli
e guardano fisso
e prendono in giro:
"Gatto senza coda!"
A volte Jenny
correva dalla mamma
e le si aggrappava stretta;
così, senza ragione.
O almeno senza una ragione
chiara per noi.
Pian piano capimmo
che il mondo di Jenny
era un poco diverso,
un mondo
in un certo senso a noi ignoto.
Cominciammo a pensare
che vivesse in un mondo
nel quale
potevamo non sentirci a nostro agio.
Entrare in quel mondo
è un po’ come andare
su un altro pianeta.
E’ come se Jenny
vivesse dietro uno schermo,
uno schermo
che non riusciamo a vedere.
Forse ha colori magnifici.
Forse quei colori
a volte distraggono Jenny
dal prestare attenzione
a quel che le diciamo.
O forse ascolta una musica
che noi non possiamo sentire.
I pesci hanno un linguaggio
e una musica tutta loro
portata dalle onde,
dicono.
Una musica
che noi non possiamo udire
perché non abbiamo orecchie abbastanza fini.
Sì, forse Jenny ode suoni che noi non udiamo.
Forse è per questo che a volte
balza in piedi
e intreccia misteriosi passi di
danza.
Jenny è come un uccellino,
un uccello dalle ali molto corte,
mi capita di pensare.
Per un uccello così, volare è difficile:
ci vuole più forza, più fatica, più tempo.
Per un uccello con le ali normali
volare è una cosa scontata.
Ma un uccellino con le ali corte
deve impegnarsi molto per imparare.
Deve essere più bravo degli altri.
E’ per questo che dobbiamo capire
che conquista è per Jenny imparare.
Non importa cosa.
Ma c’è un’altra Jenny,
una Jenny che,
in un triste pomeriggio d’inverno,
siede in poltrona
e si dondola,
con la sua bambola tra le braccia.
E’ molto turbata.
E’ confusa.
Lentamente mi dice:
"Mamma,
Sally ha detto che sono ritardata.
Che vuol dire, mamma?
Ritardata?
I bambini dicono ritardata,
e ridono.
Ci sono molte cose
che Jenny non capisce.
E ci sono molte cose di Jenny
che gli altri non capiscono:
che Jenny è come un gattino senza coda;
che Jenny sente una musica diversa;
che Jenny ha le ali corte;
che Jenny deve essere protetta.
Jenny è come una rosa blu,
delicata e bellissima.
Ma le rose blu
sono così rare
che ne sappiamo poco, troppo poco.
Sappiamo solo che hanno bisogno
d’essere curate di più.
Di essere amate di più

Perché ridono, mamma?"

Ci sono molte cose
che Jenny non capisce.
E ci sono molte cose di Jenny
che gli altri non capiscono:
che Jenny è come un gattino senza coda;
che Jenny sente una musica diversa;
che Jenny ha le ali corte;
che Jenny deve essere protetta.
Jenny è come una rosa blu,
delicata e bellissima.
Ma le rose blu
sono così rare
che ne sappiamo poco, troppo poco.
Sappiamo solo che hanno bisogno
d’essere curate di più.
Di essere amate di più.

 

 

Gerda Klein 

   

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...