QUALE è LA BESTIA?

 

SENZA PAROLE

 

VIENNA – "Ha ammesso di aver tenuto segregata la figlia per 24 anni e di essere il padre dei 7 bambini”

Rischia l’ergastolo Josef Fritzl, il 73enne austriaco accusato di aver tenuto segregata per 24 anni la figlia Elisabeth, e di averla costretta a partorire sette figli-fratelli, frutto dell’incesto. Ma la prigione a vita sarebbe l’eventuale conseguenza del reato (se provato) di omicidio per omissione di soccorso di uno dei sette bambini: uno dei due gemelli che nacquero nella primavera del 1996, morto ancora neonato; il corpicino fu bruciato dal padre in una fornace. A parlare di ergastolo è il portavoce della procura di Sankt-Poelten.

La seconda accusa in ordine di gravità è lo "stupro con conseguente gravidanza", da 5 a 15 anni di reclusione. L’incesto rappresenta un’aggravante e non un reato a se stante.  Quanto al sequestro di persona, terzo capo di imputazione, è passibile di 10 anni di carcere. Ma le pene non sono cumulabili. Josef Fritzl ieri si era detto colpevole di sequestro di persona e di stupro, e aveva ammesso anche la nascita di sette bambini, la morte di uno di loro e la distruzione del cadavere. Però, di fronte al giudice istruttore, ha scelto il silenzio.

I risultati dell’esame del Dna hanno intanto confermato che Josef Fritzl è il padre dei sei bambini avuti dalla figlia Elisabeth, incastrando definitvamente l’uomo.

 

AMORE MATERNO

 

Un piccolo canguro albino è nato nello zoo di Tashkent, capitale dell’Uzbekistan.

La mamma si prende cura di lui con una tenerezza infinita……

 

02canguroalbino

 

SENZA PAROLE……..

 

Una risposta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...