Milano 25

 

Milano 25

 

 

Taxi

 

 

Stamani, vicino a casa, ho visto passare un taxi molto speciale.

E’ bianco, pieno di fiori e di palloncini, ha i fanali con le ciglia dipinte, come se fossero occhi. All’interno è profumato, ha i tappetini a scacchi e farfalle di tutti i colori  insieme alla sigla di una fondazione che si occupa di tumori cerebrali infantili: la fondazione Tommasino Bacciotti.

Lo guida una signora sempre sorridente e festosa, vestita in modo fantasioso.. come una fatina: Caterina Bellandi.

Il taxi era del suo marito Stefano, che è morto per un tumore cerebrale e che lei ha seguito nella sua sofferenza fino all’ultimo, sostenendolo con amore infinito. Allora Caterina ha lasciato il suo lavoro ed ha rilevato la licenza del taxi.

Poi è venuta a conoscenza del dramma di Tommasino morto a due anni per un tumore al cervello, e della fondazione che i genitori del bambino avevano messo in atto per aiutare altri genitori nella stessa difficoltà, e si è messa subito a disposizione . Da lì è nato il “taxi amico”: le corse verso l’Ospedale pediatrico Mayer sono gratuite e così quelle delle associazioni di volontariato.

Lei dice di sé che si sente Mary Poppins che vuole circondarsi da tanti spazzacamini per togliere via la fuliggine dell’indifferenza.

Nei brevi tratti della corsa parla con chi vuol parlare e ascolta chi vuole essere ascoltato…

Regala sorrisi e speranze…

Entrare nella sua auto è come entrare nel paese dei balocchi.. dentro ci sono pupazzi, giornali, caramelle, le foto del suo cane con cui fa sorridere i bambini. A fine corsa regala ai bambini caramelle o la micronite, il materiale prodigioso dei loro mostri spaziali immaginari!

Ma non si ferma a questo: finito il suo turno aiuta i malati di tumore, li va a trovare, passa del tempo con loro, si occupa anche di loro perché non è capace di voltare le spalle a chi soffre.

Quest’anno ha avuto lo Scudo di San Martino – riconoscimento dovuto per tutto il lavoro che svolge per i bambini malati di tumore, ed ora anche per gli adulti.

Fa bene al cuore parlare di una persona così, ridà fiducia nella vita e nell’uomo!

 

 

scudi di san martini

 

 

 

 

  1. ho letto giusto ieri un articolo in un giornale che parlava di questa signora e del suo magico taxi
    tra i due non sò quale sia il migliore sia te che tal giornale mi donate un emozione fenomenale.
     Buona Giornata un affettuoso saluto da Massimo.

    Mi piace

  2. leggere questa storia è come gettare una spruzzata di air fresh in una stanza intasata dal puzzo delle sigarette…. ecco in un contesto sociale così abbrutito da personaggi immorali e corrotti sapere che esiste chi si spende per gli altri ci fa dire… non tutto è perduto!
    Complimenti a questa signora sia per la sua nobile vita sia per la fantasia e la creatività che mostra di avere
    Una buona giornata

    Mi piace

  3. avevo sentito parlare di questa splendida signora, sono le persone come lei che ci danno un senso nella vita e ci fanno ricredere sul cuore dell’uomo, forse abbiamo ancora speranze Fausta cara!
    ciao bella un abbraccio affettuoso

    Mi piace

  4. Tempo fa ho visto in tv un servizio che riguardava questa signora, e sono rimasta piacevolmete colpita da questo suo amore per chi soffre, specie per i bambini. Ci vuole un’anima dolce per fare certe scelte; ce ne fossero altri come lei, sarebbe un grande conforto.

    Mi piace

  5. Gli angeli son sempre esistiti, capita solo che essendo troppo presi dalla vita si è distratti e molti di loro passano inosservati, a volte possono anche sfiorarti, ma il cuore indurito e distratto dal fare e dal tempo che scorre inesorabile, non ci permette di sentirli, ma soprattutto di ascoltarli…

    ANGELO
    Un Angelo ha sfiorato il mio cuore…
    Ho incontrato un Angelo: nel veleggiare, per un attimomi ha sfiorato il cuore. Dev’essere stata magia, magia pura,perché da quell’attimo non sono più riuscito a staccarmi dalsuo pensiero: mi è entrato profondamente nell’animo enell’ essenza. In ogni frazione lo ricerco, lo ricerco ovunque,nella mente, nel cuore, in una luce, in un’ombra, ovunque lovoglio sentire di nuovo.Il tocco dell’Angelo è stato leggero come il soffio di unvento di primavera, ma il segno che ha lasciato è entrato cosìprofondamente nel cuore da non poter essere più cancellato,è come una ferita profonda e aperta che crea forti emozioni,sentimenti contrastanti, correnti ascensionali turbolente,dove l’agire è immediato e il risultato in continua evoluzione.Lo sento: è dentro di me, non mi può più lasciare ma nonlo posso nè vedere nè toccare. Ne percepisco solo la forza el’intensità, come fosse un vortice intenso e improvviso, unrotore di grandi dimensioni, che scuote nel profondo le mieali, le spinge talmente in alto da non poter più vedere le coserazionali. A volte mi spaventa e cerco scampo in una bolla diaria calda, dove posso girare lentamente e farmi cullare dolcementedal vento ma, un attimo dopo, sento nuovamenteuna tempesta improvvisa che mi percuote, mi fa cambiarerotta e perdere l’orizzonte.Il mio Angelo non ha volto, non ha corpo ma solo unagrande forza interiore: posso percepire la sua energia, la suadolcezza e la sua potenza, comprendo la sua potenzialecapacità di azione attraverso il mio veleggiare, sono consapevoledella sua forza distruttrice ma non la temo, so dipoter lasciarmi cullare sicuro nel suo pulsare.A lui affido le mie ali e mi lascio trasportare.È dolce ascoltare la sua voce, è magico sentirsi condurrenel cielo. A lui mi dono e in lui pongo il mio destino: la suastrada sarà la mia meta, il suo viaggio il mio fine!Non tutti nella vita possono dire di aver incontrato unAngelo, pochi possono dire di averlo saputo riconoscere,ancora meno sono coloro che hanno potuto sfiorarlo, unicicoloro che l’hanno vissuto…Io ho un Angelo nel cuore! Non so dove mi può portare, ese riuscirò a viverlo veramentema, comunque, averlo incontratonon sarà stato vano…Ho incontrato un Angelo che illumina i miei giorni.Ho incontrato un Angelo che rende più azzurro il mio cielo.Ho incontrato un Angelo che fa splendere le mie emozioni edona senso al mio viaggio.Ho incontrato un Angelo che semina speranza nel miodivenire e che non voglio più lasciare.Se questo Angelo dovesse andarsene, con lui se ne andrebbela parte più importante del mio cuore, lasciandobuio, tristezza e rassegnazione.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...