imitazione

 

Camminando, sulle foglie cadute dagli alberi…….

 

XXXV – IMITAZIONE

 

 

Lungi dal proprio ramo,
Povera foglia frale,
Dove vai tu? – Dal faggio
Là dov’io nacqui, mi divise il vento.
Esso, tornando, a volo
Dal bosco alla campagna,
Dalla valle mi porta alla montagna.
Seco perpetuamente
Vo pellegrina, e tutto l’altro ignoro.
Vo dove ogni altra cosa,
Dove naturalmente
Va la foglia di rosa,
E la foglia d’alloro

 

(Giacomo Leopardi – dai Canti)

 

 

  1. dolcissimi questi versi,amo molto quell’immagine, le foglie secche e l’autunno,ma credo di averlo gia’ detto.Sai che avevo messo quell’immagine in un post che ho scritto giorni fa e poi ho cancellato?Sta megliocon questi versi che nel miopost.fausta cara ti do la buona notte e vado a nanna, anche domani sveglia presto, meno male che venerdi’ pomeriggio, anche se casca il mondo parto e vado a Reggio

    Mi piace

  2. è partito il commento prima che lo completassi, dicevo che parto, ho bisogno di ossigeno e di ricaricare le batterie con l’aria del mio paese, ciao cara buona notte ancora a te

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...