Ama

 

 Ama

saluta la gente

dona

perdona

ama ancora e saluta.

 

Dai la mano

aiuta

comprendi

dimentica

e ricorda

solo il bene.

 

E del bene degli altri

godi e fai godere.

 

Godi del nulla che hai

del poco che basta

giorno dopo giorno:

e pure quel poco

–se necessario-

dividi.

 

E vai, vai leggero

dietro il vento

e il sole

e canta.

vai di paese in paese

e saluta tutti

il nero, l’olivastro

e perfino il bianco.

 

Canta il sogno

del mondo

che tutti i paesi

si contendano

di averti generato.

(David Maria Turoldo)

  1. “vai di paese in paese

    e saluta tutti

    il nero, l’olivastro

    e perfino il bianco…”

    Sembra proprio che in questa sequenza
    vi sia una gerarchia di mancanza di disponibilità ad aprirsi con il prossimo…più si va verso i cosiddetti paesi civilizzati e meno si è…civili…
    Un grande abbraccio, buona domenica

    Mi piace

  2. E’ il massimo che si possa possedere nell’opera di Amare incondizionatamente, quando la gioia diventa parte integrante del nostro essere.
    Bellissima poesia esortativa che descrive coma si possa amare liberamente e col cuore aperto a tutti, molte volte la gioia di amare può assalirci, quasi a farci domandare
    “ma oggi cosa mi succede?”
    ed invece se analizziamo bene i fatti quel tipo di voler bene chiunque, dovrebbe abitare sempre in Noi, perchè è di quell’amore che l’Uomo dovrebbe cibarsi!
    Giorgio

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...