Una serata magica

Una serata magica ieri 12 maggio al Teatro Verdi: “Gloria del violino” – i Solisti Veneti diretti dal Maestro Claudio Scimone – con la partecipazione di Uto Ughi e del suo magico Guarneri del Gesù, un violino preziosissimo…..

I  Solisti Veneti, diretti da Claudio Scimone, sono l’orchestra da camera più popolare in Italia e all’estero. In cinquant’anni di attività hanno esportato la musica veneziana e veneta in tutto il mondo con 5000 concerti in più di 80 Paesi e nei principali festival internazionali, a cui si aggiunge una vastissima produzione discografica di oltre 350 titoli.

Da sempre il nome de I Solisti Veneti è legato a quello di Claudio Scimone, fondatore dell’orchestra nel 1959, che alla bella età di 77 anni dirige ancora il gruppo con una bravura ed una simpatia incredibili….. alla fine del concerto il Maestro – come saluto – ha formato con le dita un cuore, indirizzandolo al pubblico!!!!

L’inizio del concerto è per loro, la Sinfonia di Boccherini  “La casa del diavolo”, 3 tempi di grande bravura.

 http://youtu.be/2PJTCyq04W8

Il secondo brano, variazioni da opere di Rossini, mostra la grande bravura di Lorenzo Guzzoni e del suo clarinetto. Al di là della difficoltà del brano e della bravura di Guzzoni, è la sua carica che affascina. Il clarinettista suona e accompagna la musica come se danzasse e duetta con il Maestro Scimoni incrociando con lui sguardi a volte anche divertiti…..e la gioia che dà loro la musica si trasmette anche al pubblico.

 Il terzo brano è di Antonino Pasculli: “simpatici ricordi della Traviata” per oboe e orchestra, con lo splendido Paolo Grazia. Brani di altissima bravura….mi mancava il respiro per lui!!!

http://youtu.be/DrPjASLvnKE

Per ogni brano gli applausi sono fragorosi ed i due solisti vengono richiamati ripetutamente alla ribalta.

E finalmente arriva Uto Ughi, tra l’ovazione del pubblico… inizia con le Romanze nn. 40 e 50 di Beethowen

http://youtu.be/SdULX7YMN5U

Segue il Concerto K216 di Mozart.

E’ difficile riuscire a trovare le parole per descrivere quello che ho provato nell’ascoltare le note che escono dal suo prezioso violino, l’anima e il cuore del violinista, la sua emozione che diventa l’emozione del pubblico, la sua grandissima passione che dà un gusto e un colore magico alle opere che suona.

C’è un’altra particolarità che distingue il Maestro: la sua grande disponibilità. Alla profonda concentrazione dell’esecuzione – in cui percepisci che la musica lo pervade nel’anima e nel corpo – segue una grande simpatia, il gusto di parlare con i musicisti e col pubblico, la parola scherzosa al punto che – in un intervallo tra due tempi delle variazioni sulla Carmen, primo bis della serata, in cui, spinti dall’entusiasmo, alcuni del pubblico hanno applaudito – se ne è uscito sorridendo con “ecco, vi siete mangiati la parte più bella” ed ha chiesto all’orchestra di tornare indietro in modo da farla ascoltare di nuovo! Ho conosciuto artisti che per una cosa del genere sarebbero andati via dal palco! Questa è la profonda umiltà, che è data solo da una sensibilità umana veramente grande!!

E visto che dopo il bis, nonostante indicasse l’orologio, non volevamo lasciarlo andare, ha chiesto al pubblico cosa volesse ascoltare e tra tante indicazioni ha scelto Paganini…..la Paganiniana, un pout pourri di brani del celebre compositore….brani che solo pochi sono in grado di eseguire…..

http://youtu.be/EdrHGDADSlw

Per tutto il tempo non sono riuscita a staccare gli occhi dalle sue mani, dalla leggerezza delle dita sulle corde, dalla forza e dalla leggerezza dell’archetto, a tratti così veloce che pensi debba prendere il volo.

Di sicuro una serata indimenticabile!

  1. (non trovo un “guest”…e scrivo qui)

    *Fausta!!! grazie del commento! Il mio e’ un po’ lunghetto, e non voglio metterlo su posts che hanno diverso argomento.

    Ti invito a leggerlo, con calma *(nessun … 🙂 precetto!!!)
    Leggendo, capirai meglio l’allusione. Ciao per ora, e grazie ancora.

    Marghian

    Mi piace

  2. Ogni tanto hai delle belle possibilità da cogliere al volo. Sono molto contenta. La musica che ascolti regala ricchezza interiore. Buona domenica cara Fausta.

    Mi piace

  3. Non conoscevo il brano di Boccherini “La casa del diavolo”, di solito di questo autore si ascoltano adagi ormai consueti, invece questo è molto bello e diverso. Deve essere stato un concerto speciale!
    Un bacione e a presto,
    Harielle

    Mi piace

  4. Anche nella mia città c’è il teatro Verdi, qualche bella serata simile alla tua mi capita spesso di trascorrerla, la musica, la commedia sono sicuramente occassioni per elevarci dalla solita routine quotidiana. Un saluto ci sentiremo presto.

    Mi piace

  5. che bello trovare amanti della musica classica e sopratutto di uno strumento che per me è affascinante, il violino.
    da sempre conosco i Solisti Venete ed ho un numero imprecisato dei loro cd.
    Ho avuto poi la fortuna di assistere ad un cincerto di Uto Ughi e sono rimasta conquistata dal suo essere tutt’uno con il suo violino.
    una sensazione ed emozione indimenticabile.
    vado raramente ai concerti ma mi emoziono comunque ad ascoltare i miei preferiti, tra i quali il Messia di Hendel e la morte e la fanciulla di Shubert.
    a presto
    lauracarpi.wordpress.com

    Mi piace

  6. Sempre.musica e’! Ricordi? Tiberio murgia di Oristano, per la reclame di un caffe’. “Sempre musica e’!”

    Infatti:

    Vuoi sentire un chitarrista?
    Questo qui suona sul serio eh?

    “Manitas de Plata” non e’ il suo nome.
    “Manine d’argento”…e si capisce perche’. Ciao Fausta.
    Marghian

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...