UN TUFFO NEL MEDIOEVO…. Sulle tracce della Via Francigena

Complice l’arrivo di un nipote, di un amico dall’Argentina, di una giornata di ferie presa dalla figlia e una splendida giornata di sole…qualche giorno fa abbiamo fatto una gita, un po’ per stare insieme, un po’ per far conoscere i dintorni di Firenze all’amico che ama la storia medioevale.

La presenza di mia figlia Sabina ha reso la giornata particolare perché senza di lei e della sua auto avremmo potuto vedere solo uno di questi luoghi.

 Ore 9… una prima veloce fermata per una buona colazione “festiva” al bar e si parte. C’è a fare un po’ di strada dato che i luoghi da noi scelti sono tutti in provincia di Siena.

Prima tappa, l’Abbazia di San Galgano. Quando, avvicinandosi al luogo, la sagoma bruna dell’Abbazia si staglia all’orizzonte, riesco a capire quella che chiamano la “Sindrome di Stendhal”….

OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La costruzione dell’Abbazia iniziò nel 1218, poi lotte tra famiglie senesi e i frati cistercensi – notoriamente molto ricchi – per il dominio dei territori, le scorrerie di eserciti mercenari ed infine la peste decretarono la decadenza del luogo. Fu venduta la copertura in piombo del tetto che ne provocò la definitiva caduta.

Verso la fine dell’ottocento iniziarono i lavori di restauro semplicemente consolidando quanto restava senza interventi arbitrari.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Questo ha fatto sì che l’Abbazia , con le sue mura di travertino e di mattoni rossi, abbia un fascino incredibile per la sobrietà delle linee, per la sua posizione isolata al centro di una piana. L’assenza del tetto dà la sensazione che le mura si protendano verso il cielo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lasciamo a malincuore l’Abbazia per recarci alla Cappella di Montesiepi, a poche centinaia di metri su una collinetta. All’interno della deliziosa Cappella affiora dal pavimento la Spada nella Roccia: La spada, che è sicuramente del XII secolo, è appartenuta a Galgano Guidotti che, disgustato dalla sua vita licenziosa, infisse la spada nel terreno per poter avere una croce davanti alla quale pregare. Il giovane fu poi dichiarato santo dal papa Lucio III nel 1185.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

All’interno della cappella ci sono affreschi di Lorenzetti ed una splendida cupola ottenuta con righe di mattoncini rossi e pietra bianca.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Per gli amanti del mistero ci sono molti punti di contatto tra la vicenda di san Galgano e quella di re Artù, infatti entrambe le vicende si svolsero nel XII secolo, c’è una particolare assonanza tra il nome di Galgano e uno dei cavalieri arturiani Galvano, e la spada nella roccia sfida da secoli chiunque voglia svelare il suo misterioso segreto.  Anche la tomba presunta di re Artù è stata ritrovata all’interno dell’Abbazia di Glastonbury, anche essa senza tetto.

Dopo una gustosa merenda a base di pane toscano fragrante e salumi di cinta senese (notoriamente fra i più buoni prodotti italiani) si riparte.

 Il nostro viaggio prosegue verso il Castello di Monteriggioni.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

« […] però che, come in su la cerchia tonda
Monteriggion di torri si corona,
così la proda che ‘l pozzo circonda
torregiavan di mezza la persona
li orribili giganti, cui minaccia
Giove del cielo ancora quando tona »

(La divina Commedia – Inferno canto XXXI, vv.40-45)

Il tracciato delle mura segue l’andamento della collina e ogni strada è stata abbinata ad un poeta o ad uno scrittore che hanno dedicato le loro opere al territorio senese.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La visita a Monteriggioni fa tornare indietro nel tempo ….. ed a Luglio di ogni anno si può rivivere questa magia partecipando alla grande festa medievale.

Lasciamo Monteriggioni per avviarci verso San Gimignano e a metà strada troviamo il Ponte della Pia, un ponte di origine romana, ad una sola arcata.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il ponte si può attraversare solo a piedi, mancano le spallette distrutte dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale.  Secondo la tradizione il ponte prende il nome dalla Pia de’ Tolomei di dantesca memoria, che sarebbe stata uccisa dal marito gettandola dalla rupe che prende il nome di “salto della contessa”: Sembra che nelle notti di luna piena la Pia appaia sul ponte tutta vestita di bianco.

Siamo scesi sul greto del fiume e tra i sassi c’erano tantissime farfalle blu che sono volate via al nostro arrivo…..peccato, erano bellissime da vedere….nella foto se ne intravede solo qualcuna.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ed eccoci arrivati a San Gimignano: il cielo si è rannuvolato ma nessun accenno di pioggia.

Per la sua caratteristica architettura medievale la cittadina è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’Unesco. San Gimignano è famosa soprattutto per le torri medievali che svettano sul suo panorama e che l’hanno fatta chiamare “San Gimignano dalle 100 torri”. In realtà nel periodo d’oro dei Comuni le torri erano 72, ora ne sono rimaste 16 più altre scapitozzate all’interno della città.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Una particolare curiosità sta nel fatto che la maggior parte delle case siano costruite a ridosso l’una dall’altra….così, dovendo costruire solo due facciate, risparmiavano sui materiali da costruzione. Anche dove le case erano distanziate non c’era spazio neppure per il passaggio di una persona: questi “vicoli” si chiamavano “dei malvicini” e dimostravano che c’era attrito tra le famiglie.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Arrivata a questo punto, nonostante io ami particolarmente San Gimignano, al vedere le sue strade ripidissime in salita ho salutato tutti e mi sono seduta ad un bar, davanti d un ottimo gelato, in attesa del loro ritorno….non ho dovuto aspettare tanto però….erano stanchi anche loro e hanno optato per la mia scelta!!!!

 gelato-menta-cioccolato-2

 

 

  1. bellissima la vostra gita avrei voluto esserci anch’io in quei posti meravigliosi che profumano della nostra storia è come andare indietro nel tempo immaginando di essere tra personaggi del medioevo. grazie Fausta sei sempre dolcissima e bravissima ciaoooooo

    Mi piace

  2. Mi hai fatto andare indietro nel tempo quando, ragazzina, feci lo stesso giro con i miei genitori e le mie sorelle. L’abbazia di San Galgano credo invece di non averla mai vista ma sembra davvero estremamente affascinante. Mi ricorda certe meravigliose chiese scozzesi a cielo aperto che tanto mi hanno fatto battere il cuore.
    Ti abbraccio forte forte
    Francesca

    Mi piace

  3. Bellissima gita. Avete davvero luoghi speciali in Toscana. C’è mare, monti, coline, laghi, acque termali…non vi manca nulla!
    Tra l’altro ai raccontato di un paio di luoghi di cui non ho mai sentito parlare nonostante mio mariti giri da quelle parti per lavoro quasi tutte le settimane! Ma la ragione è semplice: ci sono così tanti attrazioni turistiche….che quando si lavora nemmeno si vedono…
    Buona giornata (PS: sono felice tu abbia trascorso un bellissimo giorno con i tuoi cari ed i tuoi amici!)

    Mi piace

  4. Alcuni posti ,come San Gimignano e Monteriggioni, li ho rivisti con piacere perchè anni fa li ho visitati. Sei bravissima nel raccontare e mettere in evidenza particolari di storie ed immagini. Un abbraccio carissima Fausta.

    Mi piace

  5. Stupenno poste ricco d’immaggini, grazzie cara Fausta per portace a cammina co te. Sotto casa mia ‘n campagna, dimo a ‘na centinara de metri ce passa la via Francigena. Mi fijo Francesco ha riportato er casale antico a la sua origgine tutto de pietra e pe du anni s’è caricato carcinacci e pietre mo è ‘no spettacolo, sembra che se vive ner tempo antico. Fa’ io co le pietre ce parlo. Sto posto puro co la presenza de ‘n orco e listesso maggico. ‘N abbraccio forte e bona giornata 🙂

    Mi piace

    • Chissà che meraviglia deve essere la tua casa! Davero magica! (anche io parlo con le pietre e gli alberi…..pensino pure di me quello che gli pare, ma a me sembra che mi rispondano!) Un abbraccio grande, Franca!

      Mi piace

  6. E’ bellissimo! Anch’io chiacchero co l’animali e l’arberi, da regazzina me dicevano che m’ amancava ‘n venardì, sortanto perché so nata ‘na sittimana prima. Ciò morte povesie e ricconti che ce so ste converzazzioni. ❤ ciao

    Mi piace

  7. Andiamo sempre lontano, progettiamo cammini remoti – io per esempio questa estate vorrei andare a Santiago de Compostela – e poi non conosciamo le bellezze vicino a noi…prometto che un viaggio a San Galgano lo farò…è stupenda.
    Un abbraccio

    Mi piace

  8. Ciao fausta. Come va? Mi sembra di..non credere che il medioevo sia quell’oscurantismo di cui tanto si parla ed al quale si fa rifermiento circa il medioevo. Cattedrali, borghi e castelli di una immensa bellezza, torrioni ed edifici pieni di mistero e conoscenza, cultura, tradizioni cavalleresche, storia. Tuto questo e’ il medioevo, le coincidenze che ci sono fra i cavalieri harturiani e leggende come quella della “spada nella roccia”, e simbolismi, epopee come le spedizioni di Marco Polo e di Colombo. No, il medioevo non e’ cosi’ oscuro, ma tutto ancora da scoprire. Ciao Fausta.

    Marghian

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...