Avevo 5 anni

 

Il 25 aprile del 1945 avevo quasi cinque anni ……ricordo quei giorni, indelebili nella memoria….

753_lunga_liberazione

Torino, 5 aprile 1944                                                                                   

La Divina Provvidenza non ha concesso che io offrissi all’Italia sui campi d’Africa quella vita che ho dedicato alla Patria il giorno in cui vestii per la prima volta il grigioverde. Iddio mi permette oggi di dare l’olocausto supremo di tutto me stesso all’Italia nostra ed io ne sono lieto, orgoglioso e felice! Possa il mio sangue servire per ricostruire l’unità italiana e per riportare la nostra Terra ad essere onorata e stimata nel mondo intero. Lascio nello strazio e nella tragedia dell’ora presente i miei Genitori, da cui ho imparato come si vive, si combatte e si muore; li raccomando alla bontà di tutti quelli che in terra mi hanno voluto bene. Desidero che vengano annualmente celebrate, in una chiesa delle colline torinesi due messe: una il 4 dicembre anniversario della battaglia di Ain el Gazala; l’altra il 9 novembre, anniversario della battaglia di El Alamein; e siano dedicate e celebrate per tutti i miei Compagni d’armi, che in terra d’Africa hanno dato la vita per la nostra indimenticabile Italia. Prego i miei di non voler portare il lutto per la mia morte; quando si è dato un figlio alla Patria, comunque esso venga offerto, non lo si deve ricordare col segno della sventura. Con la coscienza sicura d’aver sempre voluto servire il mio Paese con lealtà e con onore, mi presento davanti al plotone d’esecuzione col cuore assolutamente tranquillo e a testa alta.                  

Possa il mio grido di “Viva l’Italia libera” sovrastare e smorzare il crepítio dei moschetti che mi daranno la morte; per il bene e per l’avvenire della nostra Patria e della nostra Bandiera, per le quali muoio felice!

Franco Balbis

Fucilato il 5 aprile 1944

  1. Sei stata testimone di un giorno grande nella storia e nella memoria, che non è giusto venga dimenticato. La nostra Costituzione è stata scritta sull’esempio di chi dedicò la vita alla Patria. Nella storia successiva noi italiani talvolta abbiamo obliato il passato, che per fortuna è qui, nelle parole di chi lo ha vissuto, di chi c’era o di chi si è sacrificato (chi si sacrificherebbe per l’Italia ora?). Per me il tuo post è di illuminante importanza, grazie per aver condiviso con noi un momento così importante. Un abbraccio

    Mi piace

  2. Vorrei che oggi ci fosse veramente l’unità d’Italia, con un governo costruito da uomini saggi e soprattutto onesti che amino gli italiani, come per esempio Enrico Mattei e il sindaco La Pira. Uomini che non pensassero al loro tornaconto ed a farsi leggi ” ad personam”, ma che dessero a questa nazione sicurezza non solo a tutti i giovani ma a tutto il popolo. Vorrei anche che non promettessero la luna e che quando vengono votati non sappiano dire solamente NO. Con i no non andiamo da nessuna parte ma solo allo sfascio.

    Mi piace

  3. Sono ricordi di bambina che sono fermo immagine, indelebili, della vita che è seguita. Penso, specie a quella età, che il momento sia stato talmente grande da saper avvolgere e incentivare verso un futuro fatto di sogni e speranze.
    Un sorriso per un sereno fine settimana.
    ^____^

    Mi piace

  4. Ciao Fausta, ber poste per ricordare. L’immaggine co li regazzini è dorce. ‘N quer tempo ero ciuca e me trovavo drento ‘na piccola casa de pietra niscosta ner castagneto nella valle de Civita, er Rio Torbino ci donava l’acqua pe vive e le frasche nisconnevono la casa da le mitrajate. Grazzie pe li tu commenti. Nun ciavevo l’immaggine de la panchina co li du vecchiarelli, ho messo la panchina vota tanto puro quanno li vecchiarelli nun ce saranno più loro saranno sempre su quella panchina. ‘N abbraccico

    Mi piace

  5. Io dovevo ancora nascere..otto anni dopo. Ma comprendo comunque l’importanza della celebrazione della liberazione da una mostruosita’ come il nazi-fascismo.
    ////////////////////////////////////////////////////////////////
    Si’, Fausta.. sono sempre di meno le rondini, ma ci sono; e per dirla in stile “bibbia”: “anche per una sola rondine, per quella rondine.. la primavera mai cessera’ di arrivare” (sai, tipo in “Genesi”, “per amore di quei dieci…” eccetera eccetera). Ciao Fausta, e grazie ancora.

    Marghian

    Mi piace

  6. Molto toccante, credo che l’animo, in momenti cosi’ drammatici, abbia due possibilita’: annientarsi od esaltarsi, esaltarsi in senso costruttivo, da esprimere sentimenti come questi.

    Marghian

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...