Il respiro del Novecento

Venerdì scorso ad una delle mie amiche virtuali…(che poi non è più così; anche se ci siamo solo sentite per telefono mi sembra di conoscerla da una vita) saranno fischiate le orecchie nel pomeriggio.

Già, perché ho partecipato ad una lezione-spettacolo, ultima della serie di 4 incontri sulla poesia  intitolati “Il respiro del novecento”.

10157237_392167657590758_6226018320908536339_n

Leggo sulla brochure: “Questa rassegna è dedicata ai quattro elementi: terra, fuoco, acqua e aria come forze cosmiche nelle quali i poeti si immergono dando voce ad una dimensione sensoriale ed emozionale che trova nella poesia la propria quintessenza linguistica.”

Nel volantino si legge ancora:

“Il mio tempo ragiona come l’acqua la mia mano

Agisce come la polvere

In una eternità

In cui il vento compone per la sabbia

Un lessico incompiuto”

Gli incontri si sono svolti nella splendida Biblioteca Ragionieri di Doccia  (Sesto fiorentino) che si trova all’interno della Villa Buondelmonti nel quale il Marchese Carlo Ginori Conti nel 1737 creò la storica Manifattura delle porcellane di Doccia.

doccia2

 

All’interno fu poi creato il Museo di Doccia dove erano collocate, in ordine cronologico le produzioni dalle antiche stufe grezze fino agli ultimi prodotti artistici.

Al lato dell’ingresso ci sono dei tondi di ispirazione robbiana con i volti di quelli che sono considerati numi tutelari della manifattura (Leonardo da Vinci, Benvenuto Cellini, Luca della Robbia, Donatello ecc..)

PicMonkey Collage2

Nel 1893 la manifattura si fuse con la ditta milanese Richard e presto lo stabilimento divenne inadeguato alla grande espansione del lavoro per cui tutto fu spostato nel nuovo impianto di Sesto fiorentino. In un secondo tempo anche il Museo trovò una nuova collocazione.

La Biblioteca Ernesto Ragionieri nacque da un primo nucleo costituito dalla biblioteca privata di Claude Henry Amédée Chambion e dalla biblioteca popolare che già esisteva a Sesto. Quando divenne obbligatoria la presenza di una biblioteca comunale nacque questo spazio che tiene conto di tutta la gamma dei fruitori, che siano bambini, studenti, anziani, famiglie, con servizi moderni, ampi spazi per la lettura

sesto-biblioteca-008

e per l’ascolto della vasta gamma di cd e un  piccolo giardino per i bimbi, senza per altro dimenticare la memoria storica conservata negli archivi comunali, dove si possono trovare particolarità come questi libro scritto nientemeno che da Carlo Lorenzini….Collodi!

carlolorenzini collodi

Io sono arrivata presto e posso assicurare che ho ringraziato il momento di relax che ho goduto, leggendo il mio libro, nel silenzio di una grande sala ricordo dei vecchi saloni della Villa!

…Ma avevo iniziato parlando dello spettacolo e mi sono persa a raccontare del posto incantevole in cui la Biblioteca è collocata….

Il titolo della lezione era “Nell’aria – vento di Elohim”

La bravissima Letizia Fuochi, con la sua  voce accattivante sia che canti o che reciti,

10294357_10203722881662092_840889940427188759_n

accompagnata dalla chitarra di Francesco Cusumano ha fatto “incontrare” due autori per me magici, due poeti: Erri De Luca e Fabrizio De Andrè in un emozionante percorso carico di pathos.

PicMonkey Collage

Partendo da “La buona novella” di Faber e “In nome della madre” di Erri le strade sembrano andare di pari passo cantando e raccontando di Maria, bambina e giovane donna, intramezzando poesie da “Opera sull’acqua” ed altri testi: Faber ed Erri hanno una visione della vita e dei suoi accadimenti che ha tanti punti in comune, poesia e musica che creano suggestioni ed empatia. Si avvicinano, si amalgamano perché, dice Erri, la scrittura è sorda e tocca alla musica creare la visione e risponde la visione di Faber “Poi vidi l’angelo mutarsi in cometa, dove forse era Sogno ma Sonno non era….”

Uno di quei pomeriggi indimenticabili da cui torni con un pieno di vita!

  1. Beh, cara Fausta,
    materia eccelsa per una serata memorabile.
    Quando capitano occasioni come questa allora si può essere grati al Fato.
    E che aggiungere?
    Bella la tua cronaca, viva, palpitante.
    Fa venire il magone per non essere stati presenti.
    Perchè, quando ne vale la pena, non basta essere rappresentati dagli amici (dalle amiche) virtuali che fanno la cronaca per chi vuole ascoltare.
    Bisognerebbe partecipare di persona!
    Un abbraccio,
    Piero

    PS: Ho ascoltato De Andrè proprio oggi, andando un pò a spasso, nel pomeriggio, mentre tornavo a casa, sull’autobus.
    “Le madri”, invece, di De Luca, le ho ascoltate in un mp3 eccezionale che tengo sul computer. Un testo veramente bello, letto proprio da lui, dall’autore. Che mi ha emozionato profondamente.

    Mi piace

    • Io l’ho visto anche nella trasposizione teatrale con una Sara Cianfriglia che fa venire i brividi ed Erri sulla scena che legge solo alcune frasi di collegamento, restando nell’ombra. Da levare il fiato….fino alla frase finale “Yeshu bambino mio ti presento il mondo”

      Mi piace

  2. Serate così rigenerano. Qualche tempo fa è capito anche a me di assistere ad una rassegna dedicata ai quattro elementi: terra, fuoco, acqua e aria ed il tutto all’interno del Battistero Paleocristiano di Nocera Superiore … Ho un ricordo bellissimo. Ciao. Buon week end

    Mi piace

  3. Grande Fabrizo de Andre’..de andre’ ed andrea-Parosi- sicuramente si conoscevano.
    Un saluto dalla Sardegna “tipo cartolina” con questa canzone, buona domenica 🙂

    Ciao Fausta.

    Marghian

    Mi piace

  4. L’interno della biblioteca è davvero meraviglioso, quasi pari all’esterno: in un contrasto di modernità e arte, rappresentata con gusto. Sarebbe bello tenere una presentazione da quelle parti.
    Un sorriso per il fine settimana.
    ^___^

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...