27 dicembre domenica della sacra Famiglia

Un tema su cui ultimamente ho riflettuto molto.

Una famiglia non convenzionale: Giuseppe, padre senza essere il padre biologico – Gesù è il Figlio di Dio – che tuttavia è chiamato “Giusto”. Sua madre, Maria che, benché poco più che adolescente, con un coraggioso “Eccomi” si trova incinta senza aver “conosciuto” uomo, per opera dello Spirito Santo. Gesù, che per 30 anni cresce, vive e lavora insieme ai suoi genitori.

eppure

eppure questa famiglia ci viene mostrata come modello: la sacra Famiglia.

Cosa unisce questa famiglia che non doveva certo essere ricca, nella cittadina di Nazareth piccola e senza risorse?

Giuseppe era un falegname e Gesù cresce imparando il mestiere del padre, fabbricando con lui tavoli e sgabelli e tutte quelle cose semplici che dovevano formare l’arredamento delle case del paese. Maria svolge i lavori di casa e di sicuro il giovane Gesù l’aiuta.

In questa Famiglia – e scusatemi se vi sembrerò dissacrante ma questo leggo nel racconto del Vangelo – non vedo l’azione di un contratto ma la forza di un amore che unisce, che fa superare le difficoltà, che fa crescere il figlio e lo prepara alla vita, sentimenti forti e belli. Tutto questo mi fa pensare che la bellezza della famiglia, qualunque essa sia, si basa sull’amore e il rispetto.

Tutto questo mi fa pensare…

  1. A questi tempi di Maria e Giuseppe la vita non era facile, Maria aveva oltre Gesù altri figli e figlie con Giuseppe, non esisteva la lavatrice ecc… oggi abbiamo un certo comfort e siamo mai contenti… la vita dei altri tempi era più difficile ma sicuramente più sereno e i bambini erano ancora spensierati… cara Nives abbi una serena serata tvb ♥

    "Mi piace"

  2. Tutto questo mi fa concordare con il tuo pensiero. Aggiungo solo che loro erano Maria e Giuseppe, pieni di grazia e scelti da Dio….noi siamo meno” privilegiati” e quindi dobbiamo combattere contro il nostro egoismo che reclama sempre la sua parte e non ci fa amare come amavano loro.

    Piace a 1 persona

  3. Maria è stata la donna del sì, Giuseppe l’uomo del silenzio. Entrambi hanno accettato un progetto che non era nei loro pensieri e questo a me parla molto. L’immagine che hai scelto per questo tuo messaggio vede Maria che riposa e Giuseppe che tiene il bambino… e questo rappresenta proprio quel che dici sulla famiglia.
    Un abbraccio Fausta, buon 2021.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...