Ricordi

Nella casa dove sono nata e ho vissuto per quasi ventisette anni c’era un corridoio di 11 metri, sul quale si affacciavano le porte di tutte le stanze.

Poco dopo l’ingresso, nel punto in cui si incrociavano i muri maestri c’era una rientranza, un angolo. Lì c’era una seggiolina impagliata e accanto una consolle con sopra un leone, pezzo storico di famiglia, di imprecisato materiale tanti erano i segni della vecchiaia

gli elenchi del telefono e un piattino con le monetine che servivano per l’ascensore

Attaccato al muro c’era il telefono nero

Sotto al telefono un quadretto, una immagine del Cuore di Gesù al quale papà aveva fatto una cornicetta di legno dipinto.

Quell’angolo ha per me un significato molto forte e particolare.

Negli anni della guerra, quando l’urlo sinistro delle sirene (una era proprio sul palazzo di fronte al nostro) avvisava del prossimo bombardamento tutti scappavano verso i ricoveri. Mamma non se la sentiva di correre in strada in quella confusione: era sola con tre bambine piccole – papà era al di là delle linee nemiche – per cui il nostro riparo era quell’angolo dove il muro maestro era la nostra protezione.

Mamma si sedeva con me che ero la più piccola in braccio e le sorelline stavano accanto, tutte strette per cercare di vincere la paura.

E in quel posto, in quel frastuono, io che tremavo, presi in mano il quadretto e senza volere riuscii a far sorridere mamma e le sorelline “Vedi mamma, guarda come trema Gesù, ha paura anche lui!!!”

Quel quadretto mi ha seguito in tutti gli spostamenti e continua a proteggere la mia casa…

  1. Un ricordo tenero e commovente. Gesù vi proteggeva, stava con voi e tu lo tenevi in braccio. Parlavi della casa di Roma vero? Ora che sei a Livorno ti manca Firenze oppure ti sei abituata? Comunque sia Gesù ti fa compagnia. Un abbraccio.

    Piace a 1 persona

  2. Certi ricordi sono quasi un salvavita e fanno compagnia . Nelle case moderne, di spazio per conservare ce n’è poco e ci si deve limitare a ciò che è veramente importate, La scelta diventa però difficile, e a volte obbligata, quando ci sono fratelli con cui dividere. Io ho potuto conservare il modellino di un aereo bimotore, in ottone, che mio padre, che era stato in aviazione, fece nel periodo giovanile. Quando lo guardo vedo anche i giocattoli che aveva confezionato con cura per noi figli e sorriso con il cuore.
    Leggere quanto hai scritto mi ha fatto bene, Grazie.

    Piace a 1 persona

Rispondi a lucetta Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...